Sezione Notizie

SP GROUP SRL

Normative e Permessi Edilizi – PDC, CIL, CILA, SCIA

Nov 24, 2021 | Edilizia

Ogni settore dell’edilizia ha la sua specifica normativa di riferimento che regolamenta i diversi interventi. Insieme alla parte normativa, relativa sia al Testo Unico in materia edilizia sia alle diverse norme regionali, fondamentali per attuare le opere edilizie sono anche le autorizzazioni amministrative.

Infatti, i titoli abilitativi principali a cui le attività edilizie sono subordinate, sono il PDC (Permesso di Costruire) quindi l’autorizzazione concessa dal Comune per procedere a modificare il territorio in conformità al piano urbanistico di riferimento, la CIL (Comunicazione Inizio Lavori), la CILA (Comunicazione Inizio Lavori Asseverata) e la SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività).

Il PDC

Permesso di Costruire (art. 10 Testo Unico Edilizia) viene richiesto in occasione di nuove costruzioni, interventi di ristrutturazione urbanistica e ristrutturazione edilizia che apporti modifiche volumetriche o di cambio destinazione d’uso all’edificio precedente e rilasciato in seguito all’esaminazione della domanda da parte dell’amministrazione comunale.

La CIL

Comunicazione di Inizio Attività (art. 6 Testo Unico Edilizia) è prevista limitatamente per le opere temporanee ossia quegli interventi che soddisfano esigenze temporanee e che vengono rimossi non dopo i novanta giorni dal termine della necessità

La CILA

Comunicazione Inizio lavori Asseverata (art. 6 bis Testo Unico Edilizia) è richiesta nei casi di interventi di manutenzione straordinaria leggera ove non siano coinvolte parti strutturali dell’edificio.

La SCIA

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 22 Testo Unico Edilizia), invece, è fondamentale richiederla quando gli interventi in questione sono un po’ più invasivi. Ad esempio, nel caso di interventi di manutenzione straordinaria, di interventi di restauro e di risanamento conservativo che vadano a coinvolgere parti strutturali dell’edificio.

Anche la CILA che la SCIA vengono presentate all’amministrazione comunale insieme all’asseverazione del progettista ossia di colui che progetta e attesta la conformità dei lavori. Questa presa di responsabilità però, permette di iniziare subito con l’avvio del cantiere senza dover attendere la conferma comunale a differenza del caso di richiesta del Permesso di Costruire.

Tuttavia, è presente anche il regime di Edilizia libera per la quale non sono necessarie tutte le determinate autorizzazioni viste finora.

In questi casi continueranno ovviamente a essere valide le autorizzazioni relative alle norme di sicurezza, di antincendio, antisismiche, sanitarie, di occupazione del suolo e così via… le quali devono essere sempre richieste.

Nello specifico, tutti gli interventi citati nell’art. 6 del D.P.R. 6 giugno 2001 n.380 o Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di Edilizia, sono possibili senza le autorizzazioni comunali. La lista concerne interventi edilizi di manutenzione ordinaria, di miglioramento degli impianti, di rinnovamento delle aree pertinenziali, di eliminazione delle barriere architettoniche e opere temporanee e stagionali.

Inoltre, gli interventi edilizi si suddividono in interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria ed entrambi hanno necessità diverse. Per esempio, per l’avvio dei lavori straordinari è necessario avere la SCIA, non richiesta per la manutenzione ordinaria.

Più dettagliatamente, nell’art. 3 del Testo Unico sull’Edilizia vengono distinti principalmente 4 tipologie di interventi:

  • Interventi di manutenzione ordinaria: riguardano tutta una serie di attività, le quali hanno lo scopo di mantenere totalmente efficiente nel tempo la struttura, i pavimenti, gli infissi e gli impianti degli edifici attraverso la riparazione, il rinnovamento, la sostituzione delle finiture e il mantenimento dell’efficienza degli impianti tecnologici.
  • Interventi di manutenzione straordinaria: comprendono interventi più sostanziali e consistenti riguardanti il rinnovamento e la sostituzione di parti anche strutturali di un edificio così come l’integrazione di servizi igienico-sanitari e tecnologici.

Inoltre, queste modifiche non devono però comportare cambi di destinazione d’uso all’edificio o modifiche volumetriche delle varie unità immobiliari.

  • Interventi di restauro e risanamento conservativo: finalizzati alla conservazione dell’edificio e al mantenimento della sua funzionalità attraverso opere che consentano destinazioni d’uso compatibili con esso.
  • Interventi di manutenzione straordinaria pesane ossia interventi di ristrutturazione edilizia: volti a modificare e trasformare un edificio che sarà in parte o totalmente diverso dal precedente.
  • Interventi di nuova costruzione: relativi alla trasformazione urbanistica e edilizia del territorio che non rientrano nelle precedenti categorie come, ad esempio, la realizzazione di impianti e infrastrutture, la costruzione di manufatti edilizi interrati o prefabbricati, la realizzazione di depositi di merci o di materiali, gli interventi di urbanizzazione primaria e secondaria non svolti dal comune e così via.

Per quanto riguarda il cambiare la destinazione d’uso di un edificio, per esempio un’abitazione che diventa un’attività commerciale, la procedura da seguire dipende da quali modifiche strutturali il cambio destinazione genera al carico urbanistico.

Generalmente questo intervento viene associato a una ristrutturazione edilizia e quindi subordinata a Permesso di Costruire.

Ciò avviene a meno che il cambio destinazione si verifichi nella stessa categoria come, per esempio, da un ristorante a un bar; in questo caso il cambio d’uso è ammesso e ci si può avvalere della CILA anziché del PDC.


Per quello che concerne gli interventi di manutenzione straordinaria, si dispone di possibili soluzioni che conducono a vantaggi economici ovvero i BONUS RISTRUTTURAZIONE ma non solo; attualmente possiamo trovare differenti agevolazioni in ambito edilizio come i SUPERBONUS 110%, gli ECOBONUS 65% E 110%, i SISMABONUS e i BONUS FACCIATE.

Categorie

Cappotto termico

Cappotto termico, cos'è: Il cappotto termico è uno dei migliori interventi esterni per l’isolamento termico e acustico degli edifici, produce benessere all’interno delle abitazioni perché riduce lo scambio termico tra l’interno e l’esterno dell’abitazione e risolve i...

leggi tutto
Bonus Facciate

Bonus Facciate

Bonus facciate, cosa cambia dal 2022? Questo Bonus, in vigore dal 2020, interessa una detrazione fiscale del 90% senza un importo massimo di spesa per i lavori finalizzati al ripristino delle facciate degli edifici ma poiché è stato prorogato per tutto il 2022, la...

leggi tutto
SISMABONUS

SISMABONUS

SISMABONUS, come funziona: Detrazione IRPEF o IRES dal 50% all’ 85% prevista su un ammontare massimo di 96.000 per le spese sostenute sia dai contribuenti privati che dalle società inerenti agli interventi per la messa in sicurezza di case e edifici produttivi in...

leggi tutto
ECOBONUS

ECOBONUS

Ecobonus, tutte le detrazioni fiscali: Detrazione IRPEF o IRES dal 50% al 85% concessa anch’essa per interventi che migliorino l’efficienza energetica degli edifici esistenti ma ripartita in dieci rate annuali di pari importo. Gli interventi per cui è riconosciuta la...

leggi tutto
Superbonus 110%

Superbonus 110%

Superbonus 110% come funziona Detrazione al 110% inerente agli interventi di risparmio energetico divisa in cinque rate annuali di pari importo che potrà essere ceduta all’impresa o alla banca. Agevolazione volta non solo a interventi per l’efficienza energetica bensì...

leggi tutto
BONUS Ristrutturazione

BONUS Ristrutturazione

Tutto quello che c'è da sapere sul Bonus Ristrutturazione Le agevolazioni fiscali per gli interventi di ristrutturazione edilizia sono disciplinate dall’art. 16-bis del Dpr 917/86 e prevedono un defalco dall’Irpef del 36% per le spese sostenute fino a un totale di...

leggi tutto
Protezione antincendio

Protezione antincendio

La protezione antincendio comprende tutte le misure da attuare al fine di limitare i danni alle persone ed alle cose derivanti dallo sviluppo di un incendio. Le misure di protezione di distinguono in Passiva e Attiva. I sistemi di protezione attiva non prevengono il...

leggi tutto
Come si usa l’estintore

Come si usa l’estintore

Come utilizzare l’estintore: Togliere la sicuraImpugnare la lanciaAzionare l’estintore Per usare un estintore, qualunque sia il tipo e contro qualunque fuoco l'intervento sia diretto, è necessario attenersi alle seguenti regole: Prendere visione e rispettare le...

leggi tutto
Corsi antincendio, quale scegliere?

Corsi antincendio, quale scegliere?

Quale corso antincendio scegliere? La scelta della tipologia di corso deve essere commisurata alla tipologia dell'attività esercita, al livello di rischio di incendio e agli specifici compiti affidati ai lavoratori. Il datore di lavoro, nell'ambito della valutazione...

leggi tutto
Estintori, cosa sono e come funzionano

Estintori, cosa sono e come funzionano

Cos’è un estintore L'estintore è un'apparecchiatura mobile di sicurezza, ad uso pubblico e privato, destinata allo spegnimento di fuochi mediante emissione autonoma di prodotti idonei detti agenti estinguenti coadiuvati da propellente. Com’è fatto un estintore Un...

leggi tutto
Share This

Share This

Share this post with your friends!