Impianti di areazione UTA e VMC

Impianti di areazione

UTA e VMC

Impianti di areazione UTA

L’unità trattamento aria è un macchinario che tratta, regola e ricambia l’aria negli ambienti chiusi al fine di garantire aria calda quando fa freddo e aria fresca quando fa caldo.
Nel trattamento e rinnovo dell’aria si considerano la regolazione della sua temperatura, umidità, velocità e purezza.
Gli impianti UTA vengono installati in abitazioni ma anche in locali commerciali e industriali per migliorare l’igiene e la qualità dell’aria garantendo comfort alle persone presenti in questi edifici
L’impianto UTA funziona attraverso una batteria di scambio termico ad acqua fredda e calda dove l’evaporazione avviene nella macchina frigorifera sia per il raffreddamento che per il riscaldamento o una batteria ad espansione diretta cioè al cui interno circola del gas refrigerante che evapora da un filtro aria e da un ventilatore di aspirazione a bassa prevalenza.

I componenti dell’UTA generalmente sono:

  • una serranda di presa che regolano la portata dell’aria
  • uno o più filtri aria
  • un recuperatore (quando indicato), obbligatorio nelle unità a doppio flusso come da Regolamento Europeo EU 1253/2014
  • batterie di preriscaldamento (quando indicate), raffreddamento, deumidificazione e post-riscaldamento con una sezione umidificante (quando indicata)
  • un ventilatore di mandata aria che può variare la sua velocità di rotazione
  • un ventilatore di aspirazione o espulsione aria

Quando la UTA dispone del recuperatore, ciò permette un risparmio di energia perché oltre al ventilatore di mandata vi è anche un ventilatore di ripresa dell’aria trattata così da avere due percorsi separati: aria da trattare e aria trattata.

La batteria di preriscaldamento, usata prettamente in inverno, è una batteria calda che scaldando l’aria e aumentandone la temperatura mantiene l’umidità costante ma l’aria in uscita sarà più calda e secca, dunque, non idonea all’ambiente.

Interviene così la sezione umidificante che umidifica l’aria solitamente con dell’acqua nebulizzata per poi ottenere dell’aria in uscita con una temperatura più bassa rispetto a quella d’ingresso e con un grado di umidita alto.

La batteria fredda, invece, viene usata per la climatizzazione estiva. L’aria in ingresso viene raffreddata e deumidificata grazie a una vasca di raccolta per la condensa. L’aria in uscita non è ancora pronta per l’ambiente nonostante l’umidità assoluta sia calata perché quella relativa è ancora alta.

Tuttavia, il post-riscaldamento funzione sia in inverno che in estate in quanto tratta aria con un’alta umidità relativa e la conduce a livelli confortevoli (40%-50%) grazie a un riscaldamento dell’aria che aumenta la sua temperatura ma mantiene costante l’umidità assoluta. Il risultato è che l’aria in uscita rispetta i canoni termo-igrometrici richiesti per poter essere introdotta nell’ambiente.
Inoltre, gli impianti di aerazione UTA richiedono una pulizia periodica in quanto a lungo andare sono soggetti alla raccolta di sporcizia accumulata sia dall’ambiente esterno che interno come polveri, muffe, batteri, acari ecc. che va eliminata al fine di prevenire disagi fisici come disturbi respiratori o irritazioni agli occhi alle persone presenti nell’edificio ospitante l’impianto.

A tal proposito, la normativa di riferimento è il Decreto Lgs. 81/2008, il quale attraverso l’imposizione di periodiche manutenzioni di pulizia e disinfezione agli impianti di trattamento dell’aria ma anche agli impianti di condizionamento come condizionatori o climatizzatori, garantisce le condizioni di microclima corrette per proteggere la salute di chi occupa luoghi dotati di questi impianti.

Impianti di areazione VMC

Vi sono poi altri impianti innovativi in grado di ricambiare l’aria di un ambiente con l’esterno senza l’apertura di finestre o porte ossia i Sistemi di Ventilazione Meccanica Controllata (VMC) a doppio flusso molto diffusi nei locali pubblici e nelle zone adibite ai fumatori e spesso integrati con impianti di riscaldamento e condizionamento.

Inoltre, oggi gli edifici poiché godono di un ottimo isolamento termico e acustico grazie a serramenti e coibentazioni, sono sempre più ermetici e necessitano dunque una corretta ventilazione per evitare condensa e problemi di umidità o muffa. Gli impianti di VMC risolvono questa tipologia di esigenza rinnovando l’aria e garantendone così la qualità.

I sistemi VMC funzionano grazie ad apposite condotte di ventilazione forzata connesse con gli ambienti interni ed esterni per mezzo di aspiratori che rimuovono l’aria viziata e inquinata (proveniente maggiormente da bagni e cucine) espellendola all’esterno e da diffusori installati principalmente in locali di soggiorno o camere da letto che immettono aria nuova dopo che essa è stata filtrata da polveri inquinanti esterne.

Dunque, in questo modo nell’ambiente interno rimane sempre aria pulita. Inoltre, alcuni tipi di condotte sono dotate ulteriormente di trattamenti igienizzanti e di isolamento acustico per garantire una migliore e costante qualità dell’aria evitando batteri e muffe.

Un aspetto molto importante di questo sistema meccanico e controllato di ventilazione è legato al suo rilevante risparmio energetico in quanto riesce a evitare dispersioni recuperando energia di raffreddamento o riscaldamento che andrebbe persa con un semplice ricambio d’aria, ad esempio aprendo la finestra.

Ciò è possibile grazie a determinati scambiatori di calore che recuperano l’energia che andrebbe dispersa cedendola all’aria nuova in entrata. Infatti, i flussi d’aria in uscita e in entrata vengono incrociati, senza mischiarsi, così che in inverno il flusso d’aria in entrata verrà preriscaldato e filtrato per avere aria calda in uscita e in estate avverrà il contrario ossia l’aria verrà raffrescata e filtrata per ottenere in uscita aria più fredda.

Infatti, dato il suo recupero di calore e la sua alta efficienza energetica, l’installazione del sistema VMC permette il raggiungimento della classe energetica più alta, la A. Infatti, nel caso di edifici di nuova costruzione o edifici sottoposti a importanti ristrutturazioni o riqualificazione energetica è possibile richiedere un bonus ossia un’agevolazione fiscale.

In questi casi si provvede a una valutazione del rischio di formazione di muffe e condensazioni conforme alla UNI EN ISO 13788 considerano i ricircoli di aria naturali. Se il rischio risulta alto l’installazione dei sistemi di VMC viene incentivata con il Superbonus se realizzata insieme ad interventi di coibentazione delle superfici opache di un edificio per l’isolamento termico e l’efficienza energetica.

Manutenzione impianti di areazione

Affinché gli impianti di trattamento dell’aria rimangano efficienti nel tempo, è necessario effettuare le periodiche attività di pulizia e manutenzione. I filtri, infatti, devono essere puliti ogni 3 o 6 mesi e sostituiti una volta all’anno poiché si usurano diventando meno efficaci.

I mancati interventi di controllo, pulizia e manutenzione degli impianti ovviamente danno origine a sanzioni, quindi, è molto importante ricordarsi di controllarne l’efficienza.

Inoltre, sia i grandi impianti di trattamento dell’aria con UTA che i piccoli impianti civili con VMC devono essere progettati considerando le dimensioni e il posizionamento nell’ambiente del sistema di distribuzione canalizzato. Quest’ultimo, fondamentale per il corretto trattamento dell’aria, deve garantire le giuste portate e velocità dell’aria negli ambienti.

Infatti, tutti gli impianti di ventilazione devono seguire le norme di prodotto per la loro corretta costruzione ossia documenti descriventi i criteri di costruzione. Queste norme sono importanti anche per chi progetta e certifica l’impianto.

Altre norme da seguire sono quelle di sistema utilizzate per la progettazione e per il corretto dimensionamento dei sistemi di ventilazione. Questi documenti, infatti, si basano sulle portate d’aria necessaria all’ottenimento di un’adeguata qualità dell’aria per gli ambienti interni.

Chiedi un Preventivo

Acconsento al trattamento dei miei dati personali

1 + 4 =

Ufficio

Via Chambery 93, 107/o Torino – 10142

Orari

Lunedì – Venerdì

9.00 – 13.00 – 14.30 – 18.30

Sabato 9.30 – 13.30

Contatti

011 2871073 – 3343997973

info@spgroup-srl.com

Share This